≈ Non v’è Domani, se l’Oggi muore ≈

Tu dimmi, amore, se hai mai sentito la mia anima sussurrarti la sua urgenza di donarsi a te, non per avere la tua in cambio ma per costruire a mani nude un tempo infinito che raccontasse di Noi, con l’unica voce che conosco e riconosco: quella dell’amore. Ma il tempo – come ragno – continua a tessere la sua ragnatela… … Continua a leggere

Bizzarra condanna

Per ogni brivido d’amore sincero inzuppato nel più torbido mistero; per ogni sussurro dell’anima, deturpato dalla stridula voce dell’impossibilità; per la dolce verità d’un amore nato perfetto nel cuore ma sfregiato dalla fredda lama del non fatto… Per tutto questo: io maledico la Vita… che posso respirare solo con te. © Barbara Brussa

A mezzanotte la Principessa muore

Rumore di passi rivela presenza; due braccia ti cingono e nasce un sorriso L’orologio del cuore scandisce il tempo dell’amore; appese ad ogni parete promesse di felicità fanno rosa i muri dipinti di bianco   Nel letto ti svegli e respirando il suo assopito respiro soffi in alto batuffoli di stelle Il soffitto diventa un cielo esclusivo Nell’aria, il profumo di … Continua a leggere

Poeta dell’Anima

Tu, che sai essere incomprensibile follia verso stonato nel coro dell’ipocrisia colore intonato a un malinconico autunno Tu, che ascolti in solitudine e anneghi i tuoi dolori in dolci rime che colano lente dal tuo sentire Tu, che sei poeta dell’anima maledetto da quell’intimo sentire pungente, come fitto intrico di rovi; benedetto dalla divina mano del sentimento che avvolge il cuore … Continua a leggere

Il Giorno svanisce nell’attesa

La perenne attesa, logora i giorni: tempo insapore ingoiato dalle Stagioni Sopravvive il Momento che fine a se stesso nulla colma se non il Ricordo: svolazzante chimera di felicità che a nutrir malinconia sempre ritorna Avvolge l’anima, l’amato Respiro, ne soffoca il grido e mentre il passo s’allontana s’ode solo un mesto sospiro Diviene polvere, il tempo consumato nell’attesa del … Continua a leggere

Un colpo d’Amore

Forse non sapevi che: nascere ribelle avrebbe accecato le tue stelle correre controcorrente seppur esilarante nulla ti avrebbe fatto cogliere se non la polvere dei tuoi passi profughi E polvere vuota fu quella che fra le mani stringevi (controfigura di te stesso…) quando, nel tuo cuore intorpidito un palpito felino è avanzato Si fece strada, fra i detriti di un’esistenza … Continua a leggere

Mamma

Mi sento pronta, a riaprire quell’album dei ricordi. E di colpo, m’inabisso nel passato…   Un viso d’angelo, sembra sorridermi. Due occhi di smeraldo, spalancati sul mio mondo, mi frugano nell’anima. Oggi, come allora.   Nell’aria, si innalzano le note di quel profumo familiare, mai finito di usare…   E la voce di “lei”, catturandole, intona una melodia. Uscendo dal … Continua a leggere

Farfallina

Ti aiuterò a piantare le tue radici in questo mondo, perché siano forti e robuste; perché possano sostenerti sempre, anche nel mezzo di una tempesta. Per non farti dimenticare mai chi sei, né da dove vieni. Sempre. In qualunque posto andrai. Ma ti aiuterò anche a far crescere le tue ali, perché tu non debba mai avere il timore di … Continua a leggere

Complici

Odo echi lontani, di amori gridati; bruciati in fuochi di paglia, soffiati via dal vento. Sorrido, crogiolandomi nel fruscìo dei pensieri nostri. Silenziosa complicità di due cuori che, immersi l’uno nei colori dell’altro, hanno dipinto sulla tela della vita, la loro immortale Poesia. © Barbara Brussa [Tratta dal libro: “Entro a fare due passi. Fra le pieghe dell’anima”]